x19 posti ancora disponibili per questo corso


Scuola di Alta formazione in Filosofie Classiche dell’India

Questa prima edizione di Vidyālaya è dedicata al pensiero più luminoso dell’India: dal periodo vedico a quello post-classico, includendo in quest’ultimo periodo anche le tradizioni tantriche.
Data l’importanza riconosciuta dal corpo-docenti allo studio diretto dei testi, il corso prevede anche alcune ore dedicate all’insegnamento dei fondamenti della lingua sanscrita.
Vidyālaya è pensato come un percorso di alta formazione rivolto a tutti coloro che aspirano ad acquisire una competenza specifica e approfondita sulle filosofie classiche indiane nonché a tutte quelle figure professionali, come ad esempio gli insegnanti di Yoga, che stagliano le proprie competenze sul panorama culturale classico indiano.

 

• Struttura, costo del corso e iscrizioni

Sono aperte le iscrizioni! Le lezioni si svolgeranno nel corso di un week-end al mese a partire da ottobre 2020 (sei ore il sabato e sei ore la domenica per un totale di 96 ore di lezione).

Il costo di iscrizione è di: 
- 1200€ per chi si iscrive entro il 26 aprile 2020 compreso;
- 1400€ per chi iscrive dopo tale termine.
Per iscriversi è necessario compilare il modulo online in calce a questa pagina e versare una cifra di 400€ valida come pre-iscrizione entro un giorno lavorativo dall'iscrizione. Il saldo dovrà essere corrisposto attraverso bonifico o brevi manu entro la prima lezione del corso.

Il corso è a numero chiuso per venti studenti 
È richiesta la frequenza minima di sei week-end su otto per ottenere attestato di partecipazione.
Al termine del corso, per i corsisti che volessero effettuare un’autovalutazione circa le competenze acquisite durante il ciclo di studi, sarà prevista la possibilità di produrre un elaborato personale, il quale sarà discusso insieme ai docenti di Vidyālaya.

Per informazioni:
Giacomo Foglietta, Coordinatore Didattico - tel. 349 5812755
Diego Manzi, Direttore Scientifico - tel. 388 9909375


SCARICA IL CALENDARIO DELLE LEZIONI




Il corpo docente

• Direttore scientifico

Diego Manzi (1984) è scrittore e docente di filosofia indiana e lingua sanscrita.
Nel 2010 si laurea in giurisprudenza con Luigi Lombardi Vallauri discutendo una tesi in filosofia del diritto comparativa di alcuni sistemi giuridici occidentali con quelli orientali.
Nel dicembre 2013 si laurea in filosofia con Alessandro Pagnini discutendo una tesi in filosofia della scienza avente come soggetto il pensiero di Paul Karl Feyerabend nonché la dottrina jainista anekāntavāda.
Nel 2016 pubblica, con la casa editrice Armando Curcio, "Scintille di ordine eterno. Viaggio nel cuore della tradizione indiana". Nel 2019 pubblica, con la casa editrice Le Lettere, "Incanto. Le divinità dell'India". Da una decina di anni intraprende frequenti viaggi in India ove studia, aggiorna ed affina costantemente lo studio della lingua sanscrita, dello Yoga e delle filosofie dell'India. Attualmente i suoi interessi sono indirizzati prevalentemente all’approfondimento di argomenti quali la grammatica sanscrita, la mitologia indiana, il tantrismo e la fisiologia sottile. In particolare, da 5 anni, tiene regolarmente corsi base e avanzati di lingua sanscrita e filosofia indiana in tutta Italia.

 

• Coordinatore e docente

Giacomo Foglietta (1979) si è laureato in Filosofia dell’India e dell’Asia Orientale all’Università di Bologna con Giorgio Renato Franci, discutendo una tesi su Abhinavagupta e lo Śivaismo kaśmiro. Tiene corsi di filosofia indiana e indologia per l’ISYCO (Istituto per lo Studio dello Yoga e della Cultura Orientale) di Torino. Nel 2012 ha pubblicato con l’editore Foschi “Le tradizioni filosofiche dell’India Antica. Dai Veda al Tantra”.
Svolge attività di ricerca sul pensiero indiano antico, in particolare sul Buddhismo. Parallelamente si occupa di filosofia ed è molto interessato alla genesi del pensiero contemporaneo, in particolare alle problematiche che ruotano intorno al rapporto tra la mente e il corpo e all’origine della coscienza.
Attualmente è dottorando in filosofia teoretica presso l’Università di Torino con un progetto di ricerca sul filosofo e psicologo americano William James (1842-1910).
Ha recentemente partecipato alla pubblicazione del testo: Henri Bergson, William James, “Durata reale e flusso di coscienza. Lettere e altri scritti (1902-1939)”, Raffaello Cortina, Milano 2014, a cura di Rocco Ronchi, e ha tradotto e curato una selezione di saggi di William James sul paranormale (William James, “I miei fantasmi. La ricerca psichica sul paranormale”, Mimesis, Milano-Udine, 2018).

 

• Docenti aggiunti

Saverio Sani (1947)
Professore ordinario all'Università di Pisa, insegna Indologia, Lingua e letteratura sanscrita, Storia dell'India antica.
Gli interessi scientifici del professor Sani si sono rivolti ai problemi della grammatica e della fonetica dell'indo-ario in tutte le sue fasi - antico, medio e neo indiano - e alla lettura e all'interpretazione filologica dei testi. Le iscrizioni di Asoka e l'esegesi dei testi vedici ed epici sono gli oggetti prevalenti delle sue ricerche. In particolare, ha dedicato le sue indagini linguistiche e filologiche all'approfondimento di problematiche relative all'esegesi dei testi del Ṛgveda, dell'Atharvaveda e del Rāmāyaṇa. Il professor Saverio Sani è autore di una quarantina di articoli scientifici pubblicati su riviste italiane e straniere, oltre che di varie monografie, tra le quali una grammatica sanscrita a carattere storico e comparativo, una storia delle letterature religiose antiche dell'India, la traduzione e il commento degli inni magici dell'Atharvaveda, un'antologia dei principali inni del Ṛgveda. Per la UTET ha curato la traduzione, con commento e note, del quinto e del settimo libro del Rāmāyaṇa.
Saverio Sani è anche autore del primo Dizionario Sanscrito-Italiano (ETS, 2009).

 

Giuliano Boccali (1946)
Giuliano Boccali, Presidente onorario dell’Associazione Italiana Studi Sanscriti, è stato professore ordinario presso l’Università degli Studi di Milano, insegnando Indologia e Lingua e letteratura sanscrita, dopo avere insegnato la stessa disciplina e Religioni e filosofie dell'India a Venezia, Ca' Foscari.
I suoi interessi scientifici sono rivolti alla letteratura indiana classica, in particolare al problema della sua genesi e della relazione con Mahābhārata e Rāmāyaṇa. Studia in particolare la mitologia hindu, la poesia classica, l'estetica sia letteraria sia figurativa e lo status delle passioni nella cultura indiana. Da oltre dieci anni si interessa anche ai mutamenti della società indiana avvenuti dopo l'Indipendenza e oggi particolarmente rapidi. Fra le sue pubblicazioni: “Le virtù dell'inerzia” (Bollati Boringhieri, Torino 2006, curato con A. Sparzani), “Passioni d'Oriente. Eros ed emozioni in India e Tibet” (Einaudi, Torino 2007, curato con R. Torella), “Induismo” (Electa, Milano 2008, con C. Pieruccini), “Poesia d'amore indiana” (Marsilio, Venezia 2002). Molto intensa anche l’attività di traduttore di opere che sono fra i capolavori della letteratura indiana classica, tra i quali: la Sattasaī di Hāla (“Le settecento strofe”), il Meghadūta di Kālidāsa (“Nuvolo messaggero”), la Caurapañcāśikā attribuita a Bilhaṇa (“Le stanze dell’amor furtivo”), il Gītagovinda di Jayadeva e il Kumārasambhava di Kālidāsa (“La storia di Śiva e Pārvatī”).

 

Antonio Nuzzo (1947)
Nasce al Cairo e inizia la pratica dello Yoga a Roma all’età di 16 anni. Incontra André Van Lysebeth e con lui dal 1969, per circa 15 anni, sperimenta tutte le tecniche di Haṭha Yoga seguendo le sue dirette istruzioni. Nel 1973 assiste a Zinal alla prima assemblea costitutiva della U.E.F.N.Y. e l’anno successivo promuove la nascita della Federazione Italiana Yoga .Dal 1975 , in seguito a ripetuti viaggi in India ed Europa, incontra grandi maestri come Gitananda di Pondicherry, Swami Buha, Paramahansa Swami Satyananda di Monghir, che lo ha iniziato allo studio del Tantra e delle tecniche di meditazione, con lunghi ritiri in India, per la pratica approfondita del Kriyā e del Kuṇḍalinī Yoga. Nel 1977, eletto Presidente della Federazione Italiana Yoga, organizza il primo corso di formazione per insegnanti di Yoga della Federazione, di cui è stato docente per più divent’anni e presidente fino al 1987.  Nel 1986 incontra Vimala Thakar, ricercatrice del profondo, con la quale intraprende una nuova via che lo porta a scoprire e a sviluppare l’osservazione come mezzo fondamentale di ricerca per superare il condizionamento dell’attività razionale e inibita della mente. E’ socio onorario della Federazione Mediterranea Yoga e membro della commissione pedagogica federale. Conduce seminari di approfondimento in Italia e all’estero.

 

Amadio Bianchi (Swami Suryananda Saraswati)
Ideatore e fondatore della World Yoga and Ᾱyurveda Community, Presidente del Movimento Mondiale per lo Yoga e l'Ᾱyurveda, della European Yoga Federation; Vicepresidente della International Yoga Federation di New Delhi; Membro Fondatore della European Ᾱyurveda Association e della Scuola Internazionale di Yoga e Ᾱyurveda C.Y. Surya.
Nel mese di Gennaio 2014 a Dubai in occasione di una importante Conferenza Internazionale, alla presenza di numerose eminenti personalità internazionali gli è stato conferito il titolo di Ambasciatore dello Yoga e dell’Ᾱyurveda. Pratica ed insegna Yoga da 52 anni ed Ᾱyurveda da 46 anni.
Ha insegnato in Italia, India, Grecia, Francia, Lettonia, Slovenia, Spagna, Svizzera, Croazia, Portogallo, Argentina, Romania, Polonia, Brasile, Bulgaria, Germania, Lituania, ecc., dove ha presentato sistemi integrati, frutto della pluriennale esperienza maturata a stretto contatto con la realtà psicofisica indiana con luminari della scienza medica ayurvedica e monaci orientali (ha compiuto in India 34 viaggi-studio).
In passato ha più volte collaborato con gli Enti Ufficiali Indiani e Italiani nell'organizzare incontri sulla cultura indiana o del benessere psicofisico; spettacoli di musica, danza o canto dell'India; iniziative di solidarietà e fratellanza fra i popoli. Ha collaborato con riviste, giornali, editori, televisioni pubbliche e private, siti internet in qualità di consulente, di ospite o di autore di testi e con alcune testate in modo continuativo.
In Italia, è stato ospite di trasmissioni televisive e radiofoniche quali: TG 2 "Costume e Società", Rai Uno Mattina, Vivere Meglio - Rete 4, "La vita in diretta" - Rai 2, "Monitor Popoli" - Sat 2000, Tg regionale - Rai 3, "Salute e Benessere" - Radio Sole 24, Totem - RTL 102.5, Mediolanum "Le buone notizie" - Mediolanum Channel, ecc. I suoi libri, “La scienza della vita, lo Yoga e l'Ᾱyurveda”, “Nel respiro il segreto della vita”, "Ᾱyurveda: una scienza per la salute”, “La gioia di vivere con lo Yoga e la YogaTerapia”, "Marmani: i 107 gioielli della medicina ayurvedica", "Apprendere dal passato, vivere il presente e prepararsi al futuro" pubblicati da SpazioAttivo edizioni, sono diffusi ed utilizzati in moltissime scuole ed istituti di Yoga e Ᾱyurveda in Italia.

 


Modulo di iscrizione | firenze

Scuola di Alta Formazione in Filosofie Classiche dell'India


INSERISCI IL CODICE PER ISCRIVERTI

Pagamento con bonifico bancario (da effettuarsi entro 24h lavorative)
Riceverai tramite Email i dettagli per effettuare il pagamento
Marchi di accettazione PayPal

0

Corsi

0

Studenti

0

Convegni ed Eventi

0

Iscritti Convegni

0

Sedi

0

Docenti